Divorzio Breve: una rivoluzione storica, 6 mesi e addio!

divorzio breve

L’aspettavamo da sempre e finalmente la Camera l’ha approvato! Manca solo la firma del Presidente della Repubblica e la rituale pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Ricordo che è nelle funzioni del Presidente Mattarella poter rinviare la legge alle camere ma non voglio certo fare l’uccello del malaugurio.

Tuttavia pongo una domanda: possiamo rallegrarci per questa legge?

Dipende da come s’interpreta. Sicuramente le novità sono comunque positive, considerato com’era prima la situazione.

Le novità principali:

  • Il Divorzio potrà essere richiesto dopo 6 mesi dalla separazione consensuale indipendentemente dalla presenza di figli.
  • Nel caso di  separazione giudiziale il tempo richiesto passa ad un anno massimo di attesa. (Sperando nei tempi della giustizia).
  • I termini per poter avviare il divorzio decorrono dalla comparsa dei coniugi davanti a presidente del tribunale nella procedura di separazione.
  • La divisione dei beni entra in vigore contestualmente al momento dell’autorizzazione dei Giudice a vivere separati.
  • Il Divorzio Breve diventa operativo anche per i procedimenti in corso.

Purtroppo i gradi di giudizio restano due: Separazione e Divorzio. Questo è appunto il grosso limite della nuova legge.  Se avessero voluto veramente velocizzare l’iter burocratico e far risparmiare i coniugi avrebbero eliminata o reso facoltativa la separazione.

Infatti la sola velocizzazione della tempistica non risolve tutti i problemi presenti nel diritto di famiglia. Possiamo solo attendere e sperare che la nuova disciplina possa innescare dei miglioramenti aggiuntivi come è successo in altri paesi.

Per esempio in Spagna l’introduzione del Divorzio Breve ha di fatto aumentato i casi in cui le coppie scelgono un avvocato unico per gestire la procedura quindi si è notata una minore conflittualità nella coppia in via di separazione e alla fine una salutare riduzione dei prezzi delle pratiche.

Purtroppo, infatti, quello dei costi è un tema da non sottovalutare poiché se non verranno ridotte le parcelle, difficilmente una coppia sarà in grado di pagare la pratica del divorzio dopo solo sei mesi dal saldo della pratica per al separazione. Magari gli avvocati proporranno una pratica all inclusive (paghi 1 e prendi due)? Magari.

Insomma, stiamo a vedere.  Comunque per chi come me è un sostenitore del Divorzio Lampo, non è tutto perduto. Infatti questa norma che è rimasta esclusa dalla legge approvata, seguirà un suo percorso autonomo in Senato con un DDL specifico.

Per inciso, poi, sulle polemiche politiche di stampo cattolico che sono state sollevate da più parti in merito al pericolo di sfascio della famiglia, semplicemente sorvolo e dico che lasciano il tempo che trovano. Forse non è ben chiaro alle parti che lanciano allarmi che lo sfascio della famiglia è già avvenuto, quindi penso sia più importante dare alle coppie strumenti per gestire al meglio un momento della propria vita che non è e mai sarà, semplice.

Annunci

5 commenti

  1. Mah, io non sono entusiasta del provvedimento ma nemmeno posso dire di essere contro. Pur essendo cattolica praticante, come hai detto tu, credo che non conti quanto tempo ci voglia a divorziare, il problema sta a monte. La gente deve imparare a gestire i matrimoni o a non sposarsi proprio se non sono adatti o se la persona che hanno davanti non è potenzialmente quella giusta. Poi certo che tutto può finire lo stesso, ma divorziare dopo 20 anni di matrimonio e dopo 2 direi che ha le sue notevoli differenze 😉

    • purtroppo non c’è una ricetta giusta che vada bene per tutti, quella del duvorzio breve è una possibilitá di scelta. meglio che ci sia piuttosto che no. almeno io la penso così. ci sono coppie che prima di arrivare alla scelta definitiva le provano tutte, c’è anche chi ci ripensa dopo un divorzio. divorziare dopo solo 2 anni potrebbe anche essere più drammatico proprio per il naufragio così rapido di una scelta evodentemente sbagliata. dopo venti potrebbe essere piu devastante per la consapevolezza di aver buttato via così tanto tempo ma potrebbe non essere tutto da buttare… ci sono tante valutazioni che si possono fare e quasi mai si trova quella definitiva. 😉

      • Si, ha decisamente senso il tuo ragionamento. E comunque, che il divorzio ci sia o no, sia più o meno breve, dovrebbe cambiare poco, la scelta di stare o no con qualcuno è indipendente.
        E’ come il diabetico che sa di non dover mangiare la nutella, se decide che la vuole e non la trova in casa, tranquillo che un supermercato lo trova 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...